domenica 3 giugno 2018

Ritorno nei miei giardini

Torno nei miei giardini
nella polvere della notte
oltre le tenebre
nel tic tac degli orologi 
che mi hanno tenuta prigioniera

che mi hanno tenuta vuota
di sentimento e rabbia

ritorno nei miei giardini

solamente per depositarvi il cuore
in un anima che ancora pervasa
di quel calore d'ombra e odio
arrabbiata per la pugnalata ricevuta

torno nei miei giardini
nascondendo il bene fugace nelle parole 
fragile nelle mie membra stanche
di vaporizzarne l odore

immagine dal web
poesia di simonetta simoncini diritti riservati @
18:37
03/06/18

martedì 24 aprile 2018

Giro antiorario



grida la pelle
nell'involucro del corpo

come ghiaccio
scalda
stringendo impulsi
di vasi sanguigni

decoltè incrociati
fra le mensogne
di organi competenti

organi interni
di labbra
che riscuotono
fra le radici
di sassi umidi

il ritirarsi
delle membra

in un giro antiorario


domenica 17 settembre 2017

echi abissali

                                                                    cieco labirinto

                                                                         respiri
                                                                         respiri,


                                                                    piedi e mani

                                                                   che esalano

                                                                     cuocendo

                                                                  nella saliva
                                                                  di consumatori

                                                                   Artigli denzi
                                                                 Artigli liquidi




                                                             lavidi di sagome
                                                                    mute
                                                          negli echi abissali


d'impronte... 

                                                          




venerdì 1 settembre 2017

aria e ombra

                                     

getto d'aria
simula il nulla
veste la noia
alternativa al caos

getto d'ombra
miniature circostanziali
aggrediscono
bisbigliano
funesti il silenzio
ore
lancette
marchingegni
tassselli mancanti
dal variopinto attimo
accorso
dimenticato
nel getto di plastica
onirica





venerdì 7 ottobre 2016

Echi


Echi

suoni
inclinazioni
membra
voragini
sensazioni
lividi
colore
 ... Essenza...



martedì 24 novembre 2015

lingue di baci

Mi avete  cercata  
nella danza del mio corpo
mi avete sentita
fra gli incubi perversi
delle vostre voglie
strapparvi



Lingue di baci
fra il vento di pelle
che gli atri della notte
partoriscono
fra i respiri; l'audacia di sfiorarci...